FEEDATI di me


Dalla parte degli ex:
Movimento dei Focolari, una visione critica

Visualizza gli articoli più recenti

Leggi gli articoli in ordine cronologico


RSS Gordon Urqhuart

RSS Come Ci Vede la Stampa Estera

Cinque Post Presi a Caso

Gli ultimi cinque commenti pubblicati

Views

Nuvola di parole

Il Buio Dentro la Carne

Scritto che pubblicai in un forum, dietro uno pseudonimo maschile, con l’intenzione di fornire una descrizione più “letteraria” della malattia depressiva

_____________________________________

Non te ne accorgi. Si insinua lentamente nelle fibre del tuo corpo e nelle maglie della tua anima. Comincia con un senso di stanchezza, ma è normale in fondo, no?

Certo: lavori, lavori tanto ed è normale che ti senta stanco. Una buona dormita, e andrà via tutto. Ma no: il sonno non arriva. Forse sarà per oggi. E invece i giorni passano. Il sonno, di notte, tarda ad arrivare. Ti addormenti con fatica. Poi ti svegli stranamente presto, stanchissimo.

Ogni cosa comincia ad essere più pesante, soprattutto la mattina. Il mondo comincia ad apparirti scuro e invivibile. Non hai fame, anzi, a volte non è che ti manca la fame, ma non riesci a sentire il sapore dei cibi. Quel piatto di melanzane alla parmigiana che di solito ti faceva brillare gli occhi e ti strappava un largo sorriso… ora lo assaggi a malapena e ti sembra che abbia il sapore del cartone…

A poco a poco tutto si allontana, perdi interesse fin nelle cose più semplici, ogni cosa ti appare difficile, sempre più difficile. Tutto si rallenta, il tempo si ghiaccia, gli affetti sono lontani e irraggiungibili.

“Mi laverò domani”… ma questo domani non arriva mai, e neanche ti rendi conto che gli abiti sono sporchi, che il tuo corpo è sporco, trasandato, invecchiato. Nulla ha più interesse per te. Passi le notti insonni, in preda ad un’angoscia mortale, e la mattina, terribile, sembra accoltellarti ad ogni raggio di sole. Spossato ti addormenti ad orari impossibili, non lavori più, mangi pochissimo, di fare l’amore neppure se ne parla…

All’inizio i tuoi pensieri sono cupi, un pessimismo doloroso pervade ogni ambito della tua vita. Ma poi anche i pensieri si ghiacciano, te ne rimane uno, uno solo, lento e inesorabile ti ruota nel cervello, sempre uguale, passa e ripassa come animato da vita propria… Tutto scivola lentamente, pervadendo ogni organo, ogni funzione. E finalmente qualcuno si accorge che c’è qualcosa che non va, che hai bisogno di aiuto…

 

Depressione è una parola che ha molti significati, ma quando è malattia, diventa un mare di fango vischioso, sabbie mobili contro le quali non si riesce a lottare, angoscia profonda, inspiegabile e inesprimibile.

Depressione è una condizione incomprensibile per chi ha la fortuna di non averla provata mai, viene spesso scambiata per pigrizia, per mancanza di volontà. Per il peccato di “accidia”. In questo nostro mondo, in cui l’efficienza e la velocità sono diventate indispensabili, spesso non c’è posto per comprendere un malessere che rallenta, fino a paralizzare la vita.

Ma è una malattia. Devastante. Ti spezza la vita di tutti i giorni, ti allontana dagli affetti, ti rende detestabile agli occhi della gente e perfino ai tuoi stessi occhi… La depressione si può curare. Con farmaci? Si, certo. Quando è a questi livelli i farmaci sono indispensabili. Ma si cura anche con la pazienza, con la comprensione, consapevoli che ci vuole del tempo e che espressioni tipo “Reagisci”, “Datti una mossa”, “E’ solo questione di volontà”, non fanno altro che peggiorare (si, è possibile!) lo stato d’animo di chi si trova in queste condizioni.

Lasciare che il tempo, fermo e ghiacciato, si riscaldi e si sblocchi con dolcezza, senza fretta.

Permettere al nostro familiare, che si è ammalato, di percorrere tranquillamente il lento cammino della guarigione, senza mettergli fretta, senza alitare sul collo di chi, forze, proprio non ne ha… A poco a poco la vita tornerà a scorrere nelle vene…. Molte cose vuol dire la parola “depressione”, questa è solo una delle tante forme, è la peggiore. Molti sono i significati di questo termine.

Ma questa è un’altra storia e si dovrà raccontare in un altro momento…

Altri Articoli Che Potrebbero Interessarti:

Cinque Post Presi a Caso:

Ci sono 2 commenti

Benvenuti nell'armonia tra sacro e profano

Free Burma

Sacro Profano

Nell'armonia degli opposti il sacro è profano e tutto ciò che consideriamo profano profuma dell'incenso del sacro. Non esiste nulla di cui non si possa parlare…

Ci sono 446 articoli e 2,874 commenti.

RSS Pensieri Liquidi

Cerca in questo blog

Da Leggere Prima dell’Uso

Categorie

Creative Commons License

Creative Commons License
I contenuti di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.



Sito Non raggiungibile


Protected by Copyscape Originality Checker

Lottiamo insieme contro il neuroblastoma



Comprate il libro



Social Networks




Donatella's bookshelf: read

Il Respiro Del Grande Spirito - Canti Degli Indiani d'AmericaDove soffia il vento - Il volto più antico e profondo della cultura "pellerossa" - con una suggestiva documentazione fotograficaUna storia degli Indiani del Nord America - gli uomini dalla pelle rossa - un popolo di guerrieri e mistici innamorati della loro terraDal Popolo degli Uomini - Canti, miti, narrazioni, preghiere degli Indiani del NordamericaMolte vite, un solo amoreMolte Vite, Molti Maestri

More of Donatella's books »
Donatella's  book recommendations, reviews, quotes, book clubs, book trivia, book lists


ViviStats



Flag Counter