FEEDATI di me


Dalla parte degli ex:
Movimento dei Focolari, una visione critica

Visualizza gli articoli più recenti

Leggi gli articoli in ordine cronologico


RSS Gordon Urqhuart

RSS Come Ci Vede la Stampa Estera

Cinque Post Presi a Caso

Gli ultimi cinque commenti pubblicati

Views

Nuvola di parole

Presunzione

Oggi è una giornata per me piuttosto “riflessiva”. Alcune mie considerazioni partono da fatti molto seri, altre da piccolezze. Stamane al lavoro la mia responsabile mi dice tristemente che ieri si è suicidata la signora C., sua paziente, ma che ho seguito per breve tempo anch’io di recente, durante l’assenza della mia responsabile.

Mi son sentita scaraventata in un fiume di pensieri ed emozioni, ricordando anche il suicidio di un MIO paziente, avvenuto un anno fa. P. era un uomo buonissimo, dolce e molto sensibile. Ero molto affezionata a lui, ma lo conoscevo abbastanza bene per capire che era solo una questione di tempo: prima o poi si sarebbe ammazzato. Facevo di tutto per cercare di allontanare quel momento, al punto che era l’unico mio paziente al quale ho dato il n° di cellulare personale.

Aveva tentato altre due volte di ammazzarsi, e entrambe le volte l’avevano salvato per un puro miracolo. Gli volevo bene davvero e lo penso spesso. So che ora sta meglio, perché viveva una situazione di angoscia esistenziale assolutamente al di là, oltre qualunque possibilità di terapia…

In questo periodo stavo diventando presuntuosa. Mi sembrava di spaccare il mondo. Tutto era “più” per me. Ho molti risultati gratificanti al lavoro, ho grandi soddisfazioni nella mia vita privata. E in qualche modo dentro me stavo diventando presuntuosa. Poi capita qualcosa, a volte piccola, una sciocchezza, a volte grande come questa di oggi, che d’improvviso ti sbatte malamente in faccia la realtà: sei solo una merda qualunque, non t’allargare che tanto se ti arrampichi troppo in alto caschi.

Ho fatto un sogno stanotte: ho sognato che mi tiravano su con una specie di argano, lungo una parete rocciosa argillosa, friabile, a picco. Mi issavo con fatica fino ad un piccolo gradino di roccia, pendente verso lo strapiombo, e mi sedevo lì. Sentivo inesorabilmente la terra dura a scaglie che si sgretolava sotto il mio sedere e le mie mani, facendomi scivolare verso l’abisso, e non riuscivo a mettermi in equilibrio. Cercavo appoggio dalla persona che mi aveva tirato su, ma questa era impegnata a tirare su qualcun altro e non badava a me. Mi son svegliata con una profonda angoscia…

Altri Articoli Che Potrebbero Interessarti:

Cinque Post Presi a Caso:

Benvenuti nell'armonia tra sacro e profano

Free Burma

Sacro Profano

Nell'armonia degli opposti il sacro è profano e tutto ciò che consideriamo profano profuma dell'incenso del sacro. Non esiste nulla di cui non si possa parlare…

Ci sono 449 articoli e 2,874 commenti.

RSS Pensieri Liquidi

Cerca in questo blog

Da Leggere Prima dell’Uso

Categorie

Creative Commons License

Creative Commons License
I contenuti di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.



Sito Non raggiungibile


Protected by Copyscape Originality Checker

Lottiamo insieme contro il neuroblastoma



Comprate il libro



Social Networks




Donatella's bookshelf: read

Il Respiro Del Grande Spirito - Canti Degli Indiani d'AmericaDove soffia il vento - Il volto più antico e profondo della cultura "pellerossa" - con una suggestiva documentazione fotograficaUna storia degli Indiani del Nord America - gli uomini dalla pelle rossa - un popolo di guerrieri e mistici innamorati della loro terraDal Popolo degli Uomini - Canti, miti, narrazioni, preghiere degli Indiani del NordamericaMolte vite, un solo amoreMolte Vite, Molti Maestri

More of Donatella's books »
Donatella's  book recommendations, reviews, quotes, book clubs, book trivia, book lists


ViviStats



Flag Counter