FEEDATI di me


Dalla parte degli ex:
Movimento dei Focolari, una visione critica

Visualizza gli articoli più recenti

Leggi gli articoli in ordine cronologico


RSS Gordon Urqhuart

RSS Come Ci Vede la Stampa Estera

Cinque Post Presi a Caso

Gli ultimi cinque commenti pubblicati

Views

Nuvola di parole

Le parole del tempo

E venne un giorno quand’ero bambina, il corpo iridescente e il viso fresco, a recitarmi per la prima volta una preghiera, ad accarezzare le mie lacrime salate di sabbia e vento, a coprire il mio freddo e la mia tristezza, per dirmi con dolcezza

Passerà questo tempo e i giochi e non sarai più innocente e dolce, passerà il tempo degli incubi bui e del terrore, passerà ancora il tuo sentirti fragile e indifesa.

E venne un giorno quand’ero giovane e piena di ideali, venne in una veste rosso sangue e il volto conturbante e sensuale. Venne di nascosto nel mio letto a tentare le mie carni e a respirare il mio respiro. E con voce roca ancora mi disse

Passerà questo tempo e non sarai più giovane e bella, passerà come fiamma in una torcia consumata e cercherai calore nelle carni spente, e cercherai amore fra le pieghe delle rughe della tua anima, e ti guarderai indietro ancora e ancora a rimirare i tuoi seni pieni e i tuoi fianchi ancora sterili e acerbi.

E venne a visitarmi un giorno, e guardò il mio parto e il suo dolore strano, ed aveva una tunica azzurra e un sorriso di una vecchia, e asciugandomi il sudore mi prese una mano e disse

Passerà questo tuo strano dolore e nei dolori della vita ritroverai il tuo parto, e in ogni istante qualcosa perderai per farla nascere ogni giorno libera e nuova. E passerà ogni tuo legame come passa l’acqua di un lento fiume.

E venne ancora un giorno quand’ero già matura e il suo volto era quello di un amante, mi teneva stretta fra le braccia e danzava una musica impossibile, e fra i capelli sussurrava ancora

Passerà questo tempo e l’amore ancora avrà altri volti, e il suo sangue verserai con le lacrime, non ti volterai indietro e non guarderai le sue mani e gli occhi. Il suo sorriso triste sarà il tuo per sempre e volterai le spalle a ricordi ed emozioni. E scoprirai la lama nei tuoi occhi e il veleno uscirà da labbra e mani. E passerà ancora e ancora

E giunse a me dietro gli occhi di un amore strano, ghiaccio e fuoco, donna, bambina, uomo e ragazzo insieme, si presentò come aria e fango, volto di pietra e cuore di cristallo, risuonò la voce da dietro quello sguardo lontano

Passerà questo tempo ancora e passeranno confusione e incertezza, e tornerà ancora incertezza e confusione per abbandonarti ancora e ancora ritornare, e un giorno guarderai lontano e da lontano per consumare il fuoco e sciogliere il ghiaccio, e uomo e donna, bambino e bambina terrai per mano nella loro unica anima, e vedrai occhi di vento e cielo e ancora il tuo cuore sarà strappato. Non ti volterai indietro e non guarderai i passi che hai percorso.

E giunge a me ancora nel cammino a consumare le mie risate e accompagnare dolci malinconie nel suono potente di un mare in tempesta, a consumare passo dopo passo una strada tortuosa, dura, a ricordare nelle pieghe di un’anima inquieta, giunge a me e ancora mi parla, col corpo iridescente e il volto d’un giovane vecchio.

Passerà il tuo tempo ancora e nella vita non saprai come e quando, passerà a consolare il tuo pianto e a trasformare il riso in un sorriso mite. Avrai acqua che corre fra le dita e niente in pugno, tanti amori e un amore solo e niente e tutto, e nel tuo cuore avrai una bambina e una donna, e madre e figlia e amante e vecchia; passerà d’un fiato questo tempo e il tuo tempo ancora e ancora…

E nel volo d’uccello ali di gabbiano, e grida di falco e fulmine e tempesta, e nel latrato di cane abbandonato e stanco, e foglie d’autunno cadute e calpestate, e nella neve d’inverno e freddo d’una notte buia; e risveglio di primavera nel sogno di profumo di ferormoni e carne; e nel bruciore di un’estate folgorante e lame di sole e soffio di vento umido africano; e ancora e ancora nel turbinìo del tempo ancora un giro diverso e sempre uguale, uguale e mai lo stesso, sfiorirà lentamente questo corpo e lascerà vigore e freschezza ancora fra le pieghe della terra smossa.

E tornerò ancora a portar via la tua notte…

Altri Articoli Che Potrebbero Interessarti:

Cinque Post Presi a Caso:

Ci sono 5 commenti

  • lasfinge ha detto:

    Ciao Donatella: hai scritto delle cose talmente belle che per la prima volta da quando frequento internet avrei voglia di conoscerti da vicino! Io sono Clara e lavoro per una ASL, faccio la neuropsichiatra infantile ed amo scrivere anche se non sono mai riuscita a produrre una cosa così bella come la tua! Sei veramente brava: complimenti! Ciao.

  • Uyulala ha detto:

    … 😳
    Che dire? Grazie…

  • Lisa72 ha detto:

    …. come non essere d’accordo con Clara??? Un libro: vogliamo un libro!!!! (aspetto l’altro seguito ^_^)

    ti abbracci forte!!!

    Lisa

  • Uyulala ha detto:

    Lisa, sono su skype. Per il seguito… mi sono bloccata un po’, ma intendo proseguire poco a poco.

    Un abbraccio fortissimo

  • marisa ha detto:

    Davvero bellissimo.

    baci
    Marisa

Benvenuti nell'armonia tra sacro e profano

Free Burma

Sacro Profano

Nell'armonia degli opposti il sacro è profano e tutto ciò che consideriamo profano profuma dell'incenso del sacro. Non esiste nulla di cui non si possa parlare…

Ci sono 449 articoli e 2,874 commenti.

RSS Pensieri Liquidi

Cerca in questo blog

Da Leggere Prima dell’Uso

Categorie

Creative Commons License

Creative Commons License
I contenuti di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.



Sito Non raggiungibile


Protected by Copyscape Originality Checker

Lottiamo insieme contro il neuroblastoma



Comprate il libro



Social Networks




Donatella's bookshelf: read

Il Respiro Del Grande Spirito - Canti Degli Indiani d'AmericaDove soffia il vento - Il volto più antico e profondo della cultura "pellerossa" - con una suggestiva documentazione fotograficaUna storia degli Indiani del Nord America - gli uomini dalla pelle rossa - un popolo di guerrieri e mistici innamorati della loro terraDal Popolo degli Uomini - Canti, miti, narrazioni, preghiere degli Indiani del NordamericaMolte vite, un solo amoreMolte Vite, Molti Maestri

More of Donatella's books »
Donatella's  book recommendations, reviews, quotes, book clubs, book trivia, book lists


ViviStats



Flag Counter