FEEDATI di me


Dalla parte degli ex:
Movimento dei Focolari, una visione critica

Visualizza gli articoli più recenti

Leggi gli articoli in ordine cronologico


RSS Gordon Urqhuart

RSS Come Ci Vede la Stampa Estera

Cinque Post Presi a Caso

Gli ultimi cinque commenti pubblicati

Views

Nuvola di parole

Seguire il vitello d’oro – una seconda riflessione di Luigi

Pubblico ancora una volta una riflessione di Luigi, che avevo già ospitato QUI. Buona lettura a tutti.

Una piccola riflessione sul vitello d’oro

Per tanti di noi che siamo stati nel movimento dei Focolari mi sembra che prima o dopo c’è un lavoro da fare all’interno della nostra coscienza. E un lavoro di verità, di obbiettività….

Tutti, penso siamo stati attirati dal fascino di Dio Amore. E per Lui abbiamo spostato tante cose perché volevamo che Lui fosse il centro della nostra vita.

Pian piano abbiamo incominciato a camminare all’interno del Movimento (che per me è qualcosa diversa dall’Ideale come dono di Dio per ciascuno di noi) e quasi senza accorgercene il nostro sguardo si è rivolto verso Chiara: vedevamo attraverso i suoi occhi, le sue parole erano per tutti noi incontestabili….Si meditava solo con i suoi scritti. In poche parole abbiamo incominciato a leggere un altro Vangelo, era come ci dicevano nel periodo della formazione a Loppiano: una nuova Rivelazione.

E noi in buona fede ci siamo abbandonati e ci lasciavamo guidare da questa nuova Luce. Abbiamo abbandonato i nostri parenti anche quando avevano bisogno di noi; abbiamo lasciati gli amici per non essere attaccati a niente …Ma il peggio di tutto e che abbiamo trasferito a quel cosi detto “Gesù in Mezzo” la responsabilità e la possibilità che Dio aveva affidato ad ognuno di noi di collaborare con Lui nel disegno che Lui ha su tutta L’Umanità, sulla creazione….

Non ascoltavamo già Dio ma la voce del responsabile che ci diceva cosa fare, cosa pensare, cosa leggere….Ricordo un piccolo fatto. Un giorno uno dei responsabili ha mandato il programma a Chiara del congresso gen mondiale che si sarebbe svolto al centro. Una sera era in programma la visione di un film ma siccome non aveva ancora deciso quale fosse, sul programma figurava solo film senza titolo. Chiara gli rispose attraverso Eli: “Per questa volta Chiara si fida di te” detto con altre parole questa volta ti lascia scegliere a te, pero ricorda solo per questa volta….E questo era l’humus in cui noi vivevamo.

Pian piano il nostro io s’è trasformato in un “io” collettivo che rispondeva a Chiara. E la nostra identità di persone s’annacquava in questo collettivo. Credendo di seguire Gesù seguivamo Chiara. (Io non cerco di trasferire la mia responsabilità a Chiara. Sarebbe stupido trasferire la responsabilità degli ebrei che nel deserto hanno costruito un vitello d’oro e lo hanno adorato).

Rinchiusi all’interno del movimento ma non abbandonati da Dio, penso che prima o dopo tutti abbiamo provato la necessità di qualcosa di più vero. Nella nostra coscienza incominciavano ad accendersi delle luce che ci allertavano: dove era andato a finire l’Ideale? La dinamica del Movimento ci portava per strade che si allontanavano da quel Dio amore che volevamo seguire. Se cosi non fosse come giustificare che quel compagno di focolare che aveva deciso di seguire un altro cammino veniva abbandonato da tutti, anzi spariva e più nessuno sapeva dove era andato a finire….ancora oggi non riesco a trovare su che frase del Vangelo si possa poggiare un atteggiamento di questo genere tipico del movimento dei focolari. Quanti pope e popi dopo avere dato la sua vita anni e anni al servizio del movimento si sono sono trovati abbandonati, senza lavoro, senza casa solo perché non riuscivano più a conciliare la propria coscienza con la dinamica del movimento….la risposta del movimento la sappiamo: isolare, denigrare coloro che se ne vanno perché non possano dire a nessuno quello che hanno vissuto all’interno. Di colpo tutti ti abbandonano…..

Quant’è diverso da quel discorso di Gesù che chiama ad amare il nemico, o quel che invita a dare la vita per gli amici, o lasciare le 99 pecore per cercare la pecora smarrita….Senz’altro durante tanti anni abbiamo letto un altro vangelo.

E qui torno sulla nostra-mia responsabilità. Chi mi ha fatto accettare una vita diversa a quella che io cercavo e anelavo profondamente?

Forse l’idea che Chiara aveva avuto delle rivelazione straordinarie, di credere che lei era uno strumento di Dio…..e lo strumento forse è diventato più importante dal messaggio. Forse, sicuramente lei si è sbagliata ma anche noi.

E questo a mio modo di vedere il lavoro da fare: pulire l’Ideale da tante cose che non vengono da Dio. E qui dove non possiamo deporre la nostra responsabilità e sottometterci al vitello d’oro. E bene che era d’Oro ma in definitiva era un vitello come tutti noi poveri mortali e chi Dio chiama ad una vita vera.

Luigi

_______________________________________________

AVVISI PER CHI COMMENTA

Altri Articoli Che Potrebbero Interessarti:

Cinque Post Presi a Caso:

C'è 1 commento

  • Francesco ha detto:

    Caro Luigi,
    Prima di tutto scuza il mio cattivo italiano ma no è la mia lingua madre…
    Ho appena letto il tuo articolo sul “vitello d’oro” e debbo dirti che mi piacce da vero come lo presenti . In particolare alcuni punti:
    • La differenza che fai tra “ ideale” e “movimento”: l’ideale é, come dicci, un dono che Dio ha voluto dare a tanti ed il movimento é quello che oggi ben conosciamo (senza qualificativi…), frutto della no corrispondenza al dono dell’ideale…

    • La distanza che esite nel movimento fra quello che si dicci e quello che si vivi … gli esempi che fai sono proprio cosi, sono anch’io uscito del movimento perchè esso no mi portava più a Dio ma mi allontanava di Lui, proprio perché mi sentivo in una spirale di incoerenze, buggie, ecc., ecc.

    • La responsabilità di ognuno di noi d’avere confuso il “messagio” col “messagero”, cio è d’avere preso il messagero (Chiara) per messagio (ideale) e d’avere vissuto di consequenza…

    Avevo già letto il tuo articolo precedente sulla “grazia” e lo trovavo anche molto importante, vero e reale … Vorrei incoraggiarti a scrivere ancora perchè hai una visione molto obbietiva di cio che si vive dentro questo movimento…
    Grazie!
    francesco

Benvenuti nell'armonia tra sacro e profano

Free Burma

Sacro Profano

Nell'armonia degli opposti il sacro è profano e tutto ciò che consideriamo profano profuma dell'incenso del sacro. Non esiste nulla di cui non si possa parlare…

Ci sono 449 articoli e 2,874 commenti.

RSS Pensieri Liquidi

Cerca in questo blog

Da Leggere Prima dell’Uso

Categorie

Creative Commons License

Creative Commons License
I contenuti di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.



Sito Non raggiungibile


Protected by Copyscape Originality Checker

Lottiamo insieme contro il neuroblastoma



Comprate il libro



Social Networks




Donatella's bookshelf: read

Il Respiro Del Grande Spirito - Canti Degli Indiani d'AmericaDove soffia il vento - Il volto più antico e profondo della cultura "pellerossa" - con una suggestiva documentazione fotograficaUna storia degli Indiani del Nord America - gli uomini dalla pelle rossa - un popolo di guerrieri e mistici innamorati della loro terraDal Popolo degli Uomini - Canti, miti, narrazioni, preghiere degli Indiani del NordamericaMolte vite, un solo amoreMolte Vite, Molti Maestri

More of Donatella's books »
Donatella's  book recommendations, reviews, quotes, book clubs, book trivia, book lists


ViviStats



Flag Counter