FEEDATI di me


Dalla parte degli ex:
Movimento dei Focolari, una visione critica

Visualizza gli articoli più recenti

Leggi gli articoli in ordine cronologico


RSS Gordon Urqhuart

RSS Come Ci Vede la Stampa Estera

Cinque Post Presi a Caso

Gli ultimi cinque commenti pubblicati

Views

Nuvola di parole

Senza Titolo

Questi sono giorni strani. Scrivo così, senza titolo e, se mi è possibile, senza fare nomi in modo che i motori di ricerca non “leggano” l’argomento e il post possa restare semplicemente una sorpresa. La notte tra mercoledì e giovedì sono stata sufficientemente male da dover essere accompagnata al pronto soccorso. Problema risolto da una brava cardiologa, problema che mi ha lasciato molto stanca e con tanti pensieri in testa. Curiosa coincidenza, proprio allora si consumavano le ultime ore di vita di V., e in qualche modo con la sua morte la rete di cui ognuno fa parte ha subito un violento scossone. Scossone che ho sentito anch’io, una fra i tanti.

In questi ultimi giorni sono stata a riposo forzato e ho avuto modo di osservare com’è montato l’interesse per un uomo morto, com’è diventato, quest’uomo, tanto velocemente un pezzo di pongo da plasmare e adattare a tutte le circostanze. Sia da parte di chi lo odiava – ovviamente – ma anche da parte di chi lo amava,  di chi diceva di amarlo e di chi credeva di amarlo. Succede a tutti. Finché una persona è in vita, ha la possibilità di rettificare (o perlomeno di CERCARE di farlo) l’immagine che gli altri si creano di lui. Una volta morto, quest’immagine si frantuma in un numero incalcolabile di pezzi e ognuno ne prende uno, lo distorce, lo lima , lo ripulisce e dipinge oppure lo sporca e poi lo presenta agli altri dicendo: “Ecco, questo è Lui/Lei”.

E’ inevitabile. Quando però a morire è un personaggio che, volente o nolente, è diventato un personaggio pubblico, questo lavorìo diventa insopportabile. Ieri, un po’ per ripulirmi il cervello, ho ripreso a guardare le interviste a Tiziano Terzani e a suo figlio Folco. Mi piace Terzani perché è riuscito a parlare talmente tanto e talmente chiaramente che è diventato molto difficile distorcere troppo la sua figura, e la famiglia si è posta attorno a tutto ciò che lui era stato in vita, in modo da non permettere distorsioni e strumentalizzazioni. Ma di casi come il suo ce ne sono pochi. E certo non è il caso di V. Tutti lo conoscono, tutti son stati suoi amici, tutti sanno cosa pensava, cosa sentiva, tutti erano nella sua testa. E che palle!

Ogni essere umano è solo davanti a se stesso, davanti al suo destino e alla morte. Ogni essere umano è sconosciuto anche per se stesso e nella vita non facciamo altro che cercare di darci una definizione, col rischio alla fine di trasformare questa definizione in una maschera rigida, bella o brutta, ma sostanzialmente piatta. E se cerchiamo di non metterci delle maschere, c’è sempre qualcuno che lo fa per noi

Non voglio partecipare a QUESTO funerale, all’imposizione della maschera d’oro sul viso di un Faraone.

Altri Articoli Che Potrebbero Interessarti:


Cinque Post Presi a Caso:

C'è 1 commento

  • alessandra scrive:

    Bellissimo commento
    Non si dovrebbe aggiungere altro tranne forse un verso :

    Vi è una sorte unica per tutti,
    per il giusto e l’empio,
    per il puro e l’impuro,
    per chi offre sacrifici e per chi non li offre,
    per il buono e per il malvagio,
    per chi giura e per chi teme di giurare.

    (Qoelet)

Benvenuti nell'armonia tra sacro e profano

Free Burma

Sacro Profano

Nell'armonia degli opposti il sacro è profano e tutto ciò che consideriamo profano profuma dell'incenso del sacro. Non esiste nulla di cui non si possa parlare…

Ci sono 424 articoli e 2,877 commenti.

RSS Pensieri Liquidi

Cerca in questo blog

Da Leggere Prima dell’Uso

Categorie

Creative Commons License

Creative Commons License
I contenuti di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.



Sito Non raggiungibile


Protected by Copyscape Originality Checker

Lottiamo insieme contro il neuroblastoma



Comprate il libro



Social Networks




Donatella's bookshelf: read

Il Respiro Del Grande Spirito - Canti Degli Indiani d'AmericaDove soffia il vento - Il volto più antico e profondo della cultura "pellerossa" - con una suggestiva documentazione fotograficaUna storia degli Indiani del Nord America - gli uomini dalla pelle rossa - un popolo di guerrieri e mistici innamorati della loro terraDal Popolo degli Uomini - Canti, miti, narrazioni, preghiere degli Indiani del NordamericaMolte vite, un solo amoreMolte Vite, Molti Maestri

More of Donatella's books »
Donatella's  book recommendations, reviews, quotes, book clubs, book trivia, book lists


ViviStats



Flag Counter